Fortuna
I diodi - LED.
       
 

 
 

I LED collegati in parallelo

Torna alla pagina dei LED

A differenza di LED che sono collegati in serie, i circuiti dei LED collegati in parallelo utilizzano il filo positivo per collegare tutti gli elettrodi positivi dei LED e utilizzano l'altro cavo, il filo negativo dell'alimentazione, per collegare tutti gli elettrodi negativi dei LED.

Il cablaggio in parallelo ha alcuni importanti vantaggi rispetto ai cablaggi in serie. Se si cabla un intero gruppo di LED in parallelo piuttosto che dividere la potenza loro fornita tra loro, tutti la condividono, ma quella stessa batteria da 12V collegata a quattro LED da 3V in parallelo fornirebbe i 12V a ciascun LED -abbastanza per bruciarli di sicuro!

Cablare i LED in parallelo permette di condividere molti LED ad una sola alimentazione a bassa tensione. Potremmo collegare gli stessi quattro LED da 3V in parallelo ad un alimentatore piu' piccolo, diciamo due batterie AA che forniscono un totale di 3V, e ciascuno dei LED otterebbe i 3V di cui ha bisogno, in breve, il cablaggio in serie divide la fornitura totale di energia tra i LED. Cablare in parallelo significa che ogni LED riceve la tensione totale in uscita dall'alimentatore.

E infine, fate attenzione, con il cablaggio in parallelo l'alimentatore si scarica piu' velocemente che con un eventuale cablaggio in serie perche' richiede piu' corrente.

Inoltre, almeno in teoria, funziona solo se tutti i led utilizzati hanno le stesse specifiche di alimentazione, si consiglia di NON mescolare e/o abbinare diversi tipi / colori di LED all'interno del cablaggio in parallelo.

Primo esperimento

In questo test cerco di collegare almeno 7 diodi diversi facendo assorbire a ciscuno di loro 5 mA con queste differenze di potenziale rilevate durante i test dei diodi.

Corrente
mA
Tensione rilevata per i diodi LED sotto test
Rosso
(1)
Blu
(2)
Verde
(3)
Giallo
(4)
Blu A.L.
(5)
Big Red
(6)
Bianco
(8)
   
5 1,96 3.55 1,95 1,88 2,84 1.70 2.96    

Il circuito impiegato e' questo

1 - Circuito del primo test

Questi sono i dati calcolati
Valori e componenti calcolati Calcoli per i LED sotto test Corrente (5 mA * 7) = 35, Volt=5 (0,175 w)
Rosso
(1)
Blu
(2)
Verde
(3)
Giallo
(4)
Blu A.L.
(5)
Big Red
(6)
Bianco
(8)
 
Caduta di tensione (rilevata) 3.00 1.42 2.93 3.02 2.02 3.25 2.00    
Tensione di lavoro (calcolata) 2.00 3.58 2.07 1.98 2.92 1.76 3.01    
Resistenza (ohm) misurata 682 300 378 342 324 639 400    
Potenza dissipata (calcolata) 0.024 0.023 0.038 0.044 0.031 0.025 0.025   0.207
0.210
Corrente dissipata(mA) dai trimmer (calcolata da legge di ohm) 4.8 4.7 7.7 8.8 6.2 5 5   41.8

Schema

In questo test utilizzo sette diodi diversi e li alimento con una tensione costante di 5.00 Volt.

Ogni LED ha la propra resistenza di caduta realizzata con un trimmere il cui valore e' stato aggiustato, rilevato e riportato nella tabella.

I parametri di funzionamento di ciascun LED sono nettamente all'interno dei parametri letti nei data sheet.,

Ho lasciato il circuito funzionante per alcune ore senza rilevare variazioni nei parametri di funzionamento.

E' chiaro che le modalita' di realizzazioni di circuiti industriali sono nettamente diverse da quelle di questo tutorial.

Secondo esperimento

In questo test collega 4 diodi LED diversi, rosso, verde giallo e blu ad alta intensita', senza resistenze di carico.

Il circuito impiegato e' questo

2 - Circuito del secondo test

Schema Come si vede nell'immagine a destra, ho impostato la tensione e la corrente in modo da avere un discreta luminosita' dei 4 LED, senza superare i valori limite costruttivi, e mantenendoli accesi per alcune ore senza apprezzabili differenze di funziuonamento.

La tensione rilevata e' di 2.69 Volt e la corrente e' di 150.8 mA.

Sono perfettamente conscio che quest'ultimo modo di collegare i LED in parallelo non e' raccomandabile, ma per fare calcoli e misure e' molto interessante e si possono elaborare grafici e tabelle molto interessanti.

Torna alla pagina dei LED