walkingitaly
smorcia1.jpg smorcia1.jpg
URSEA WALKINGITALY - Giornali e News Home page Home page

Giornale del mese di novembre 2016

ALDO INNOCENTI

Relazione Walking Italy novembre 2016

Giorno 2

Abeti Monumentali dell'Alto Matanna

ABETI DELL'ALTO MATANNA: ABETE 6' IMMAGINE Davanti all'ex Albergo Alto Matanna si trova un gruppo di abeti che e' il piu' monumentale della Toscana: sono gli Abeti Monumentali dell'Alto Matanna . Furono tutti impiantanti nel 1886, anno in cui fu costruito l'Albergo: appartengono alla specie Abies alba (Abete bianco). Il piu' maestoso ha una circonferenza del fusto di 5 metri e un'altezza di 45 metri, ma anche altri raggiungono misure notevoli. Gli alberi presentano notevoli differenze tra loro: quelli collocati vicino all'Albergo sono cresciuti di piu' perche' hanno beneficiato del fatto di essere stati piantati su terreno di riporto e hanno goduto dell'acqua che scorre nel piccolo torrente che passa nei pressi. 1591 - ABETI MONUMENTALI dell'ALTO MATANNA


Giorno 10

Senni

SENNI: CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA 2' IMMAGINE Senni si trova nel Comune di Scarperia e San Piero a Sieve, in Mugello: la sua chiesa e' dedicata a San Giovanni Battista, ma attualmente e' chiusa al culto. La sua facciata e' preceduta da un piccolo portico e internamente presenta una sola navata. Nei pressi del grande complesso agricolo del Palagiaccio di Senni, ai lati della Strada Comunale per Figliano, fino a qualche anno fa si trovava una grande quercia, addirittura la piu' grande della Toscana con oltre sette metri di diametro, ma alle fine del XX secolo i rami cominciarono a seccare con rapidita' sempre piu' sconcertante e la pianta secco', nonostante le cure prestategli. 1594 - SENNI


Giorno 14

Garfagnana: Cascio

CASTELLO DI CASCIO Cascio e' un antico borgo della Garfagnana, situato nel comune di Molazzana: della Rocca, fatta erigere nel 1615 da Alfonso III d’Este a spesa forzata degli abitanti, perché nel 1613 s’erano arresi ai Lucchesi senza combattere, rimangono due porte (ciascuna munita di corpo di guardia), un ampio tratto di mura e cinque torrioni semicircolari. La chiesa parrocchiale, dedicata ai Santi Stefano e Lorenzo, compare gia' in documenti d’inizio del X secolo: era di proprieta' del monastero lucchese di San Ponziano, passato nel 1378 ai Benedettini olivetani, cui appartiene lo stemma che compare sulla porta della canonica. L'unica testimonianza di questa chiesa primitiva e' il bassorilievo che rappresenta l'Eucaristia e che oggi e' posto sull'altare maggiore. 706 - CASCIO


Giorno 18

Calvana: Filettole, Villa Gherardi Del Turco, Carteano

FILETTOLE: PIEVE DI SANTA MARIA 1' IMMAGINE Filettole e' un piccolo paese del Comune di Prato adagiato a 142 m. s.l.m. alle pedici della Calvana: fu abitato fin dai tempi antichi, come attestano alcuni frammenti di ceramica rinvenuti in loco e risalenti all'Eta' del Bronzo. Il toponimo deriva dal verbo greco presidiare: sicuramente nella zona, tra il VI e il VII secolo, esisteva una postazione militare bizantina, poi passata ai Longobardi. La chiesa parrocchiale e' la Pieve di Santa Maria Assunta: risalente al XII secolo, fu completamente distrutta da un bombardamento alleato del 1944. Fu ricostruita e poi inaugurata nel 1958 utilizzando anche i materiali rinvenuti nelle macerie dell'edificio preesistente. 1586 - PASSO della NEVAIA


VILLA GHERARDI DEL TURCO 3' IMMAGINE La Villa Gherardi Del Turco si trova nel Comune di Prato, alle pendici della Calvana: per la sua felice posizione panoramica e' nota anche come Villa La Terrazza. In questa localita' sorgeva un tempo una struttura medioevale fortificata di avvistamento: quello che ne rimane e' una torretta, inglobata nel corpo della villa. Intorno a questa struttura si sviluppo', fra il XIV e il XV secolo, una casa da signore, che nel 1507 fu venduta dagli Zaffetti ai Neroni, poi passo' poi ai Rosselli e quindi ai Gherardi Del Turco, gli attuali proprietari. L'edificio si eleva su tre piani: collegato a questo e' la fattoria. Essendo proprieta' privata, la villa non e' visitabile, per cui ci si puo' solo soffermare ad ammirarla dall'esterno. 1597 - VILLA GHERARDI DEL TURCO


CARTEANO: CHIESA DI S. PAOLO 5' IMMAGINE Carteano (161 m. s.l.m.) e' un antico borgo del Comune di Prato posizionato alle pendici della Calvana in felice posizione, ricco di acqua e di vegetazione, con terreni ancora ben coltivati. Vi si trova anche un nucleo di abitazioni rurali di struttura medievale, poste intorno a una grande aia lastricata (vari di questi edifici furono a lungo dello Spedale di Prato). Esistono due tabernacoli ottocenteschi: nei pressi di uno di questi, poco sotto la strada, si trova una fonte cisterna con acqua freschissima. Subito a monte e' la chiesa di San Paolo, probabilmente costruita alla fine del XIII secolo come suffraganea della pieve di Filettole. 1598 - CARTEANO


Giorno 25

Calvana: Case Vallupaia, San Leonardo in Collina, Rio Buti

CASA VALLUPAIA Alle pendici sud - ovest della Calvana sono frequenti le preesistenze medioevali; la maggior parte di esse appare, pero', nascosta dalla trasformazioni degli edifici. Nel Medioevo qui venne creata una nuova viabilita' montana per collegare attraverso la Calvana i feudi degli Alberti della Val Bisenzio, con quelli, sempre degli Alberti, del Mugello occidentale. Una di queste importanti vie medioevali era la Via di Valibona, che da Filettole, Carteano e Canneto saliva per il Valico di Valibona e poi per San Pietro in Casaglia al Passo di Combiate (l'attuale valico delle Croci di Calenzano) e da qui scendeva in Mugello. Nei pressi della Via di Valibona si trovano le Case Vallupaia , che conservano i resti di una torre di guardia duecentesca: essendo proprieta' privata non sono vistabili, ma si possono solo ammirare dall'esterno. 1599 - CASE VALLUPAIA


SAN LEONARDO IN COLLINA: LA CHIESA 3' IMMAGINE San Leonardo in Collina e' una borgo di case sparse posto a 290 m. s.l.m. sul fianco sud - ovest del Monte Cagnani della Calvana, nel Comune di Vaiano. Si trova lungo il percorso dell'antica Via Maremmana, strada che, transitando dalla Val Bisenzio, collegava il Mugello alla Maremma permettendo la discesa di pastori verso la costa toscana. L'antico borgo di San Leonardo si distribuisce in tre agglomerati costituiti dal complesso della chiesa (ridotta a rudere), da un nucleo di case sovrastanti (ora in fase di recupero edilizio) e da un piccolo abitato situato piu' in alto e denominato La Terrazza. 1601 - SAN LEONARDO in COLLINA

RIO BUTI: 2' IMMAGINE Le vie della transumanza rappresentano uno dei piu' evidenti segni lasciati da una pratica pastorale ormai caduta quasi completamente in disuso in tutta Italia. Nei secoli passati, infatti, da piu' parti della catena appenninica si ando' organizzando una rete di vere e proprie strade che spesso utilizzava vie preesistenti e che aveva il preciso scopo di agevolare la discesa dei pastori verso la costa toscana. Questi tracciati prendevano il nome, il piu' delle volte, di Vie Maremmane. Tra queste una correva lungo le falde della Calvana, sfruttando uno dei percorsi piu' antichi del territorio pratese ed attraversava il corso del Rio Buti : questo e' un affluente di sinistra del Bisenzio, che per lunghi tratti scende molto ripido a valle in un alveo stretto delimitato da rocce di pietra alberese. 1600

COPYRIGHT© 2005-2050 Walkingitaly®

Via Selva - 234 - AGLIANA (PT) Via Mantegna 20 - Pistoia Piazza De Angeli, 1 - Milano

Telefono: 3485700273 - 3331220880 Fax: 0240090345 info@walkingitaly.com

Termini e condizioni di utilizzo


Tutti i Marchi citati in tutte le pagine del sito sono di proprieta' esclusiva dei loro rispettivi proprietari.

Questo sito non vuol essere una guida esaustiva di percorsi e localita', noi abbiamo messo la massima cura nella loro redazione, ma cio' che descriviamo puo' contenere errori di ogni tipo e nessuno puo' attribuire responsabilità di alcun genere al proprietario del sito o all'autore di queste pagine.

Noi abbiamo pensato le nostre guide come un supporto culturale e organizzativo per il tempo libero di tutti: Dal portatore di handicap all'amante del percorso difficile ed estremo.

Maggiori informazioni e per i pernottamenti e per i ristoranti possono essere chieste alla redazione del nostro sito o contattando direttamente le strutture locali che si interessano di turismo e ricezione.

L'accesso a qualsiasi parte dei siti WALKINGITALY comporta l'accettazione di queste norme e di quanto riportanto nel link "Termini di utilizzo" di cui si presume la completa visione e accettazione.

gio380.htm