walkingitaly
smorcia1.jpg smorcia1.jpg
URSEA WALKINGITALY - Giornali e News Home page Home page

Giornale del mese di settembre 2016

ALDO INNOCENTI

Relazione Walking Italy settembre 2016

Giorno 1

Alpi Apuane: Pania della Croce per la cresta est

PANIA DELLA CROCE PER LA CRESTA EST: CRESTA EST 6' IMMAGINE La Pania della Croce , 1859 m. s.l.m., e' la regina delle Apuane: e' la montagna piu' famosa e piu' frequentata. Ha forma di cono e termina con una breve cresta contraddistinta dalla quota 1750, dal Callare, dall'antecima nord e dalla cima principale. Dalla cima e dalla spalla settentrionale partono due brevi creste che racchiudono un vasto circo glaciale, la Valle dell'Inferno, cosi' chiamata perche' caratterizzata da carsismo, grandi pietraie e piena esposizione solare per quasi tutto il giorno. La cresta est termina alla Focetta del Puntone: da qui il rilievo roccioso risale per dare origine a quella montagna particolare che e' l'Uomo Morto. La Pania fu citata da Dante nella Divina Commedia: allora era nota col toponimo Pietrapana. Noi abbiamo affrontato la parte finale dell'ascesa per la Cresta Est. 1576 - MONTE PANIA della CROCE (per la cresta est)


Giorno 6

Alpi Apuane: Monte Altissimo


IL MONTE ALTISSIMO Il monte Altissimo , a dispetto del nome (misura solo 1589 m. s.l.m.), e' fra le piu' basse cime delle Apuane, ma e' quella che dal litorale tirrenico appare piu' maestosa, con il versante sud che cade verticale per quasi 700 metri. La sua immensa mole domina la valle del torrente Serra a sud, mentre a nord e' meno scosceso e presenta salti di roccia verticale immersi in boschi di faggio. La figura della montagna, a suo tempo, affascino' anche Gabriele D'Annunzio che la paragono' alla Nike greca, scrivendo queste parole: La cruda rupe che non da' mai crollo, o Nike, il tuo ventoso peplo effigia. La violenza delle tua vestigia eternamente anima il sasso brollo. L'Altissimo desto' grande impressione anche in Michelangelo, che si inerpico' sulle sue pendici in cerca del marmo statuario per le sue sculture: la zona dove opero' il grande scultore, dal 1518 al 1521, e' quella di Azzano, comune di Seravezza. 144 - MONTE ALTISSIMO


Giorno 10

Appennino: Monte La Nuda con partenza dal Rifugio Segavecchia


MONTE LA NUDA: DAL CORNO VERSO LA NUDA Il Monte La Nuda (1828 m. s.l.m.) si trova nell'Appennino tosco - emiliano, precisamente nell'Appennino bolognese. E' una delle diverse cime dell'Appennino che portano questo toponimo perche' la vetta e' priva di alberi: ricordiamo tra gli altri La Nuda zona Passo del Cerreto, la Nuda zona Passo delle Radici, la Nuda zona Lago Santo e Monte Giovo. Questo, che fa parte del gruppo del Corno alle Scale, si trova sul crinale che divide le valli del torrente Dardagna e del torrente Silla, rispettivamente tributari dei fiumi Panaro e Reno: si trova poco a nord del Corno alle Scale, da cui lo divide il Passo del Vallone. 1575 - MONTE LA NUDA (dal Rifugio Segavecchia)


Giorno 19

Monte Falterona: Sorgente dell'Arno, Lago della Gorga Nera, Lago degli Idoli


SORGENTE DELL'ARNO: ROANO E ALDO ALLA SORGENTE DELL'ARNO La Sorgente dell'Arno si trova a 1358 m. s.l.m. alle pendici del monte Falterona: e' un luogo carico di suggestione perche', oltre a veder sgorgare l'acqua che da' origine al fiume piu' importante della Toscana e uno dei piu' lunghi d'Italia con i suoi 241 km., a pochi minuti di cammino si trova il Lago degli Idoli, un tempo piccolo specchio d'acqua e ora solo depressione erbosa, luogo caro al culto degli Etruschi, dove sono stati rinvenuti tanti bronzetti votivi. Il punto di partenza di quest'escursione si trova alla Fonte del Borbotto, localita' situata sopra il paese di Castagno d'Andrea. Alla sorgente, sopra un masso, e' stata apposta una lapide che cita le parole con cui Dante nella Divina Commedia (Purgatorio, canto XIV) ricorda il fiume Arno Per mezza Toscana si spazia / un fiumicel che nasce in Falterona / e cento miglia di corso nol sazia. 20 - SORGENTE dell'ARNO



LAGO DELLA GORGA NERA: LAGO 3' IMMAGINE Il Lago della Gorga Nera si trova 1300 m. s.l.m. ai piedi del Monte Falterona, nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. Dopo anni di abbandono, nel 2008 l'area umida della Gorga Nera e' stata recuperata: e' posizionata nel comune di San Godenzo, lungo il sentiero che dalla Fonte del Borbotto sale verso il Valico delle Crocicchie e il monte Falterona. L’intervento e' servito per favorire la conservazione e la protezione della "Rana Temporaria", detta anche Rana montana. 1552 - LAGO della GORGA NERA



LAGO DEGLI IDOLI: LAGO 7' IMMAGINE Il Lago degli Idoli e' uno specchio d'acqua di circa cinquanta metri per venti che si trova alle pendici del Monte Falterona, a breve distanza dalla Sorgente dell'Arno: la storia ci dice che nel 1838 una pastorella, che aveva condotto il suo gregge nei pressi del lago, rinvenne casualmente sulle sue rive una statuetta bronzea. Portata a Stia, questa desto' tanto interesse che si costitui' una societa' formata da appassionati locali di archeologia che intrapresero una campagna di scavi. Vi furono rinvenuti oltre seicento statuette, figure umane, mezzi busti, membra e organi umani di ogni genere e immagini di animali. Si e' poi scoperto che il Monte Falterona era sacro al culto religioso degli Etruschi. 1593 - LAGO degli IDOLI Sp00

Giorno 24

Mugello: Cascata Calabuia, San Godenzo, Barbiana


CASCATA DI CALABUIA: CASCATA 6' IMMAGINE La Cascata di Calabuia si trova nei pressi di Castagno d'Andrea, paese a cui s'arriva percorrendo la Strada Statale 67 Tosco Romagnola, sette Km. oltre S. Godenzo: da qui si va a destra, mentre a sinistra si andrebbe al Passo del Muraglione. Castagno d'Andrea e' una delle porte d'accesso al Parco Nazionale del Monte Falterona, Campigna e Foreste Casentinesi ed e' una rinomata localita' di villeggiatura. Il paese e' noto per aver dato i natali al grande pittore Andrea del Castagno. La Cascata di Calabuia e' formata in realta' da due cascate: per raggiungere la prima si segue un sentiero del CAI, mentre per raggiungere la seconda, posizionata piu' a valle, bisogna prestare attenzione perché si scende per un sentiero ripido e scivoloso. 403 - CASCATA di CALABUIA


SAN GODENZO: ABBAZIA DI SAN GAUDENZIO 1' IMMAGINE San Godenzo e' un antico borgo dell'Alto Mugello: il toponimo deriva da San Gaudenzio, un eremita che si era ritirato in queste montagne per condurre una vita di preghiera. In suo nome nell'XI secolo fu costruita l'Abbazia Benedettina e poi intorno all'edificio religioso crebbero le prime case. Tuttavia fino al XIX secolo era solo un isolato paese di montagna: quando il Granduca Leopoldo II nel 1836 fece costruire la Strada Forlivese, valicando l'Alpe al Passo del Muraglione, San Godenzo divenne una tappa fondamentale di questo percorso. La popolazione aumento' considerevolmente di numero, tanto che nel 1844 arrivo' a superare le tremila unita: oggi gli abitanti sono circa cinquecento. L'8 giugno del 1302 nell'Abbazia di San Gaudenzio si tenne un convegno rimasto celebre: il convegno degli esuli fiorentini Ghibellini e dei Guelfi Bianchi, tra i quali era presente anche Dante Alighieri. 1309 - SAN GODENZO


LA CHIESA DI BARBIANA Barbiana, poche case sparse sui pendii del monte Giovi nel Mugello, comune di Vicchio, e' il paese da dove parti' il grande messaggio evangelico di Don Lorenzo Milani: qui si trova la chiesa dove opero' il suo ministero sacerdotale, la scuola che aveva fondato e il piccolo cimitero nel quale e' sepolto. Giungendo a Barbiana la prima cosa che colpisce e' che il paese non esiste: consiste solo in poche case sparse qua e la' sui crinali del monte Giovi. Don Milani vi arrivo' nel 1954 e vi rimase fino al 1967, anno della sua morte, avvenuta quando aveva solo 44 anni. 19 - BARBIANA


Giorno 30

Case Corrieri e Case Fagnoni


CASE CORRIERI: PAESE 2' IMMAGINE Superato il paese di Orsigna, proseguendo lungo la strada asfaltata, oltrepassate Case Lavacchini, dove si trova una bella fonte (Fonte San Camillo), dopo circa due chilometri, invece di dirigersi verso il torrente Orsigna e la strada che conduce al Rifugio Porta Franca, si va a destra e si trova Case Corrieri , una delle tante piccole localita' che punteggiano i dintorni dell'abitato di Orsigna. Questo piccolo gruppo di case e' sempre stato la residenza di pastori e boscaioli, tant'e' che famiglie col cognome Corrieri, perche' originarie di qui,sono sparse nella Piana Pistoiese e segnatamente nella zona di Quarrata, dove ci sono ancora pastori che si chiamo Corrieri. Eppure anche in questo borgo, che a quei tempi doveva veramente essere sperduto, nel 1944 arrivarono i Tedeschi e lo misero a fuoco. 1561 - CASE CORRIERI


CASE FAGNONI: PAESE 2' IMMAGINE Case Fagnoni e' una di quelle tante piccole localita' che gravitano intorno al borgo di Orsigna: e' situata in un ameno ripiano, da cui lo sguardo puo' giungere fino a Pistoia, che si intravede lontana fra l’apertura dei monti. Si raggiunge da Orsigna, andando a destra prima di raggiungere la chiesa parrocchiale di Sant'Atanasio, seguendo le indicazioni per tante localita': Case Fanfani, Case Sandrella, Case Ferrari, Case Fagnoni, ecc. Prima di arrivarci, pero', si incontrano i ruderi del Mulino di Leoncino, che si trovano lungo il Fosso del Donnini. Anche questa piccola localita', nell'estate del 1944, subi' la violenza della guerra, in quanto i nazisti la bruciarono completamente. 1562 - CASE FAGNONI

COPYRIGHT© 2005-2050 Walkingitaly®

Via Selva - 234 - AGLIANA (PT) Via Mantegna 20 - Pistoia Piazza De Angeli, 1 - Milano

Telefono: 3485700273 - 3331220880 Fax: 0240090345 info@walkingitaly.com

Termini e condizioni di utilizzo


Tutti i Marchi citati in tutte le pagine del sito sono di proprieta' esclusiva dei loro rispettivi proprietari.

Questo sito non vuol essere una guida esaustiva di percorsi e localita', noi abbiamo messo la massima cura nella loro redazione, ma cio' che descriviamo puo' contenere errori di ogni tipo e nessuno puo' attribuire responsabilità di alcun genere al proprietario del sito o all'autore di queste pagine.

Noi abbiamo pensato le nostre guide come un supporto culturale e organizzativo per il tempo libero di tutti: Dal portatore di handicap all'amante del percorso difficile ed estremo.

Maggiori informazioni e per i pernottamenti e per i ristoranti possono essere chieste alla redazione del nostro sito o contattando direttamente le strutture locali che si interessano di turismo e ricezione.

L'accesso a qualsiasi parte dei siti WALKINGITALY comporta l'accettazione di queste norme e di quanto riportanto nel link "Termini di utilizzo" di cui si presume la completa visione e accettazione.

gio380.htm